Airbus investe EUR 25 milioni nel futuro del proprio sito aerospaziale di Ottobrunn/Taufkirchen, vicino a Monaco

Airbus espande le attività aerospaziali sul proprio sito di Ottobrunn/Taufkirchen, nei pressi di Monaco. La giornata di oggi segna due importanti traguardi: Markus Söder, il Governatore della Baviera, e Dirk Hoke, CEO di Airbus Defence and Space, hanno infatti dato il via alla modernizzazione della produzione di pannelli solari per i satelliti e all’ampliamento delle camere bianche dedicate alla strumentazione ottica dei satelliti. L’investimento totale della società in questa operazione è di circa EUR 25 milioni.

A febbraio 2019 Airbus inizierà la costruzione di una fabbrica 4.0 per automatizzare e digitalizzare la produzione di pannelli solari per i satelliti. L’operazione comporterà un rinnovamento completo dell’edificio di produzione, la cui superficie passerà da 800 mq a un totale di 5.500 mq, e l’introduzione di una catena di assemblaggio robotizzata. Questo investimento, del valore di EUR 15 milioni, dimostra la capacità dell’azienda di rimanere competitiva sul mercato globale, e l’automatizzazione della catena di assemblaggio consentirà di ridurre tempi e costi di produzione. L’introduzione di questa tecnologia all’avanguardia consentirà anche di salvaguardare 170 posti di lavoro e di massimizzare le opportunità di crescita future, come quelle collegate alle costellazioni di satelliti e al “New Space”. La società intende inoltre continuare a sostenere la ricerca di punta, in particolare nel campo dei satelliti, come le missioni verso Giove, il Sole o Mercurio.

Airbus investe EUR 25 milioni nel futuro del proprio sito aerospaziale di Ottobrunn/Taufkirchen, vicino a Monaco

Airbus continuerà inoltre a utilizzare la camera bianca (che sarà ampliata di 250 mq per raggiungere un totale di 1.700 mq) per l’integrazione di strumenti ottici satellitari, un ambito nel quale Airbus ha investito oltre EUR 10 milioni presso il proprio sito di Ottobrunn/Taufkirchen. La nuova camera bianca consentirà a una parte dei 150 dipendenti della business unit Strumenti Ottici di costruire la strumentazione di MERLIN (Methane Remote Sensing Lidar Mission), un satellite franco-tedesco progettato per misurare la concentrazione di metano nell’atmosfera terrestre al fine di migliorare la comprensione dei cambiamenti climatici.

“Il sito aerospaziale di Ottobrunn/Taufkirchen non ha solo scritto la storia della tecnologia all’avanguardia degli ultimi 60 anni, ma sta anche contribuendo a plasmare il futuro. La produzione di pannelli solari segna oggi il nostro ingresso nell’era dell’Industria 4.0, con un sito che vanta la più grande camera bianca per l’integrazione di strumenti ottici satellitari della Germania. Questo ci consentirà di migliorare la nostra posizione competitiva a livello globale contribuendo inoltre a salvaguardare l’occupazione a livello locale”, ha dichiarato Dirk Hoke, CEO di Airbus Defence and Space.