luglio 12

Tag

Airbus prevede USD 3 mila miliardi in servizi aftermarket per l’aviazione commerciale per i prossimi 20 anni

 

  • La quota dei servizi MRO aftermarket stimata in USD 1800 miliardi
  • 560.000 nuovi piloti dovranno essere addestrati per operare la flotta mondiale di aerei commerciali
  • Airbus pronta a fornire ai propri clienti servizi di qualità dal valore aggiunto ancora maggiore in tutto il mondo

Farnborough Air Show 2016 – La continua crescita esponenziale nell’aftermarket dell’aviazione commerciale ha portato Airbus a pubblicare il primo Global Services Forecast (GSF). Questa previsione prevede che nel corso dei prossimi 20 anni la spesa totale nei servizi aftermarket del settore dell’aviazione raggiungerà i 3 mila miliardi di USD. Su questo totale, il valore cumulativo delle attività di Maintenance, Repair e Overhaul (MRO) supererà i 1800 miliardi di USD entro il 2035. Su base annuale, Airbus prevede che le spese di MRO passeranno da USD 53 miliardi a oltre USD 132 miliardi all’anno, vale a dire una crescita media anno su anno pari al 4,6%.

L’attività dei servizi aftermarket è intrinsecamente collegata alla crescita della flotta passeggeri in generale – che sarà più che raddoppiata, e passerà dai 19.500 aerei di linea con oltre 100 posti della fine del 2015 ai quasi 40.000 entro la fine del 2035. Di conseguenza, la richiesta di piloti e tecnici aumenterà in maniera proporzionale. Si stima che oggi i piloti attivi che operano aerei di linea siano 200.000. Il GSF di Airbus precede che questi aumenteranno, per raggiungere quota 450.000 entro il 2035. Inoltre, questo numero totale di piloti attivi richiesti entro il 2035, sommato alla necessità di sostituire gli equipaggi che andranno in pensione nel corso dei prossimi 20 anni risulterà nella necessità di addestrare ben 560.000 nuovi piloti nel corso di questo arco temporale. Per quanto riguarda il personale tecnico richiesto, il GSF di Airbus prevede la necessità di formare circa 540.000 nuovi tecnici che svolgeranno una varietà di compiti nell’ambito della struttura, dei motori e dei componenti degli aeromobili.

È importante sottolineare che con l’accelerazione della domanda in termini di aviazione e le flotte aeree in crescita, la regione Asia-Pacifico costituirà la più ampia porzione del mercato sia per le attività di MRO che per la richiesta di nuovi piloti e tecnici qualificati, mentre l’Europa e il Nord America insieme costituiranno circa un terzo della spesa totale del mercato MRO.

“Oggi i nostri clienti operano già i migliori aeromobili in quanto a modernità, performance economica, autonomia e confort per i passeggeri”, ha dichiarato Laurent Martinez, Senior Vice President della business unit Airbus Services. “Inoltre, con la sempre maggiore espansione dell’aviazione commerciale, grazie all’expertise OEM di Airbus, Services by Airbus offrirà servizi di qualità e dal valore aggiunto ai propri clienti nel mondo – allo stesso livello della qualità degli aeromobili che consegniamo”.

Services by Airbus è la business unit di Airbus che ha il compito di rispondere alle esigenze aftermarket dei clienti Airbus, e che è incentrata su quattro elementi: Maintenance, Upgrades, Training e Flight Operations. Al fine di supportare le esigenze operative e di manutenzione dei propri clienti, la filiale di Airbus dedicata ai servizi materiali globali, Satair Group, garantisce reattività alle compagnie aeree e MRO a livello mondiale per i pezzi di ricambio. Inoltre, i servizi di Flight Hour e Total Support Package (FHS e TSP) forniscono soluzioni flessibili e su misura in termini di disponibilità e di manutenzione su base oraria.

Con Upgrades Services di Airbus, gli aeromobili dei clienti sono sempre dotati degli ultimi miglioramenti aerodinamici (quali ad esempio gli Sharklet), avionica e comunicazione dati di ultima generazione, configurazioni di missione e pesi al decollo su misura oltre a soluzioni per la connettività dei passeggeri e le cabine più comode e meglio attrezzate.

Inoltre, le più recenti tecniche e strumenti di Training di Airbus – supportate da 11 centri di addestramento posizionati strategicamente – garantiranno che ci siano piloti qualificati, e personale di cabina e tecnici per la manutenzione disponibili, in grado di supportare l’arrivo di migliaia di nuovi aeromobili nelle flotte dei vettori.

Infine, per quanto riguarda Flight Operations, NAVBLUE, la nuova filiale di Airbus – lanciata nel corso del Farnborough International Air Show 2016, e che ha fatto seguito all’acquisizione da parte di Airbus di Navtech – fornirà ai vettori le informazioni e le soluzioni ATM studiate individualmente, e non solo per le flotte di aeromobili Airbus ma anche per gli aeromobili prodotti da altri costruttori.

Airbus divisione di Airbus Group, è leader nella produzione di aeromobili per il trasporto passeggeri con capacità tra 100 e gli oltre 600 posti e offre la linea di prodotti più moderna, esaustiva e a basso consumo di carburante presente sul mercato. Airbus ha venduto oltre 16.500 aeromobili a circa 400 clienti e fornisce i più elevati livelli di supporto ai clienti e addestramento attraverso un network internazionale in continua espansione. Airbus conta uno staff di circa 55.000 persone e nel 2015 ha generato ricavi per EUR 45,9 miliardi.

***

Segui Airbus su Facebook sul sito https://www.facebook.com/airbus e su Twitter all’indirizzo @Airbus. I comunicati Airbus sono disponibili in italiano all’indirizzo ttadigitalmedia.wordpress.com

Annunci