Presentata la linea completa di tecnologie 4K e High Dynamic Range di #Sony a Cine Gear 2015

Sony_F65

Sony F65

Le telecamere F65 e F55 e il monitor OLED BVM-X300 offrono immagini HDR
“fedeli alla realtà come la vedono i nostri occhi ogni giorno”

In occasione di Cine Gear 2015, Sony ha presentato la sua linea completa di tecnologie di produzione 4K, con supporto esteso per i workflow High Dynamic Range (HDR). Dalle telecamere F55 e F65 al nuovo monitor di riferimento OLED 4K BVM-X300, che vanta luminosità, contrasto, risoluzione e gamma di colori più elevati, Sony offre la migliore qualità delle immagini HDR per il set e per la gradazione in studio.

Il monitor di riferimento BVM-X300 è progettato per la masterizzazione dei contenuti HDR 4K e si integra perfettamente con le telecamere professionali di Sony. Il BVM-X300 supporta S-Log3 come HDR EOTF in quanto S-Log3 è una curva di gamma logaritmica largamente prevalente nell’industria e offre efficienti workflow a 10 bit. Inoltre, per soddisfare le esigenze del settore, quest’estate Sony pubblicherà una nuova versione del firmware per BVM-X300 che consentirà di visualizzare contenuti HDR come SMPTE ST2084, aggiungendo una funzionalità importante al monitor che ben si adatta agli ambienti di lavoro HDR.

BVM-X300_front_20140829

Sony BVM-X300

A Cine Gear, Sony ha presentato un confronto diretto tra SDR e HDR. Inoltre, ha messo in evidenza la maggiore versatilità delle telecamere 4K con sensore di grandi dimensioni F65, F55, F5 e FS7, compresa la F55/F5 versione 6 con ProRes RGB per l’acquisizione HD.

A completamento dell’offerta di Sony a Cine Gear è stata presentata la suite di produzione multimediale Catalyst Edit/Catalyst Prepare, in grado di supportare numerosi formati, tra cui 4K, RAW e XAVC, e il nuovo lettore di memoria 4K PMW-PZ1.
Le telecamere 4K di Sony vantano quattro caratteristiche distinte che permettono loro di offrire una migliore qualità delle immagini e resa HDR: S-Gamut, la gamma cromatica ultra-ampia di Sony, molto più ampia della gamma Rec. 2020; S-Log; risoluzione delle immagini e acquisizione RAW lineare a 16 bit.

I 16 bit rappresentano il massimo livello di precisione dei dati che consente di ottenere le prestazioni più elevate dalla telecamera, mentre il formato RAW consente di riesaminare i dati del negativo digitale prodotto con la telecamera ed effettuare nuovamente la gradazione per i display HDR senza dover girare nuovamente i contenuti. Il formato RAW a 16 bit ottimizza i risultati del processo di gradazione HDR che potrebbero risultare non soddisfacenti quando si effettua la gradazione dei contenuti con minore precisione.

Ha completato l’esposizione tecnologica di Sony la proiezione esclusiva di film recenti girati con telecamere F65 e F55, incluso il film Disney “Tomorrowland”, girato interamente con le telecamere 4K F65 e F55 di Sony. “Tomorrowland” è la prima uscita cinematografica con riprese dal vivo in formato High Dynamic Range 4K.

Dopo numerosi test, la gamma ultra-ampia di colori, il formato RAW a 16 bit, la risoluzione dell’immagine e gli oltre 14 stop di range dinamico della F65 e della F55 di Sony hanno convinto la produzione del film che questa sarebbe stata la scelta perfetta per catturare la visione del regista.

“Le immagini della F65 e F55 con gradazione High Dynamic Range sono semplicemente sensazionali”, ha affermato Peter Crithary, Marketing Manager di Sony Electronics negli Stati Uniti. “L’HDR è la soluzione che più si avvicina alla realtà come la vedono i nostri occhi tutti i giorni e le nostre telecamere sono state progettate per catturare tutti gli elementi necessari a un’elaborazione e visualizzazione HDR di prim’ordine: formato RAW a 16 bit, gamma cromatica eccezionale, dettagli di tonalità in condizioni di luce difficili ed eccezionale range dinamico, colore, livelli di nero più profondi e molto altro. Tutto questo cambia in maniera fondamentale l’esperienza cinematografica.”

I creativi del team di produzione di “Tomorrowland” hanno sottolineato l’importanza dell’uscita in HDR 4K di un film di così alto profilo. Il direttore della fotografia Claudio Miranda, ASC, ha già girato film con grossi budget con le F65 e F55 e conosceva bene la qualità dell’immagine che queste telecamere sono in grado di produrre.

“Queste telecamere sono HDR”, ha spiegato. “In quanto tali, forniscono sempre più informazioni di quante ne potremo mai utilizzare. Possiamo aggiungere più contrasto. Possiamo estendere i nostri confini. Il risultato è quello di avere un range dinamico molto più ampio nella proiezione in sala. L’HDR è interessante perché consente di ottenere un contrasto più elevato. È come aggiungere più bassi al subwoofer di un sistema audio. Ad esempio, possiamo realizzare esplosioni molto luminose senza rischio di sovraesposizioni. È possibile utilizzare l’HDR per un effetto speciale; offre più opzioni di imagery digitale che possono arricchire il racconto. È possibile passare da un interno alla luce accecante di un esterno per far percepire al pubblico un contrasto estremo. Consente di ottenere un range dinamico un tempo impensabile. E, cosa ancora più importante, i neri sono davvero neri.”

I contenuti HDR migliorano il workflow di produzione di contenuti di filmmaker e creatori di contenuti e Sony è impegnata a fornire una soluzione completa basata su un’ampia gamma di telecamere e monitor con workflow comprovati.

***

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito: pro.sony.eu
Seguici su Twitter @sonyproeurope / LinkedIn
Pagina Facebook: www.facebook.com/SonyProfessionalEurope

Annunci