Il Chief Executive Board di #Star Alliance approva l’ingresso di Air India

L’11 luglio il vettore nazionale indiano entrerà ufficialmente a far parte dell’Alleanza

Star_Air India_2 copia

Membri degli staff dei vettori che fanno parte dell’Alleanza Star Alliance danno il benvenuto alla nuova collega di Air India

 

Il Chief Executive Board di Star Alliance riunitosi a Londra il 23 giugno, ha approvato all’unanimità l’ingresso di Air India, che diventa così il primo vettore indiano che entra a far parte di un’alleanza aerea.

Air India, Star Alliance e le compagnie membre completeranno ora le ultime fasi del processo di integrazione, per fare in modo che Air India possa garantire tutti i vantaggi dedicati ai clienti Star Alliance a partire dall’11 luglio.

“Abbiamo avviato nuovamente il processo di integrazione con Air India lo scorso mese di dicembre e sei mesi dopo siamo pronti a confermare la data ufficiale dell’ingresso nell’Alleanza. Siamo molto lieti di accogliere i passeggeri di Air India nel nostro network e di poter offrire loro tutti i vantaggi della nostra Alleanza. Abbiamo inoltre l’opportunità di dare ai nostri clienti un migliore accesso a una regione, che rappresenta il quinto mercato più importante al mondo nel settore dell’aviazione” ha dichiarato Jeffrey Goh, COO di Star Alliance commentando la decisione.

“Air India si è impegnata a rispettare tutte le procedure necessarie per questa integrazione e oggi siamo estremamente contenti di entrare a far parte della famiglia Star Alliance. E’ davvero un onore e un privilegio essere la prima compagnia aerea indiana a entrare a far parte dell’Alleanza. Non vediamo l’ora di poter estendere i vantaggi e i privilegi di Star Alliance ai nostri passeggeri a partire dall’11 luglio, 2014” ha commentato Rohit Nandan, Chairman e Managing Director di Air India.

 

Air India amplierà la rete di collegamenti offerti da Star Alliance con 400 voli giornalieri e 35 nuove destinazioni in India. La crescita maggiore arriverà dal mercato interno indiano, attualmente servito da 13 compagnie membre di Star Alliance che operano verso 10 destinazioni con un quota di mercato del 13%. L’ingresso di Air India non solo aumenterà il numero di aeroporti, ma porterà la quota di mercato di Star Alliance in India al 30%. I passeggeri potranno usufruire a livello globale di una scelta ancora più ampia di collegamenti in Nord America, Europa, Asia e Australia attraverso il subcontinente indiano. Le compagnie aeree che fanno parte del network Star Alliance diventeranno 27 e offriranno oltre 18.500 voli giornalieri verso 1.316 destinazioni in 192 paesi.

Lufthansa CEO Carsten Spohr, Air India CMD Rohit Nandan, Air Canada CEO Calin Rovinscu e Star Alliance CEO Mark Schwab

Da sinistra: Carsten Spohr, CEO di Lufthansa, Rohit Nandan, CMD di Air India, Calin Rovinscu, CEO di Air Canada, e Mark Schwab, CEO di Star Alliance

 

I vantaggi riservati ai membri del Programma Frequent Flyer (FPP) “Flying Returns” di Air India e dei programmi di tutte le compagnie membre dell’Alleanza diventeranno effettivi a partire dall’11 luglio. Questo offrirà ai passeggeri maggiori possibilità per accumulare e spendere miglia, ottenere l’upgrade allo status Gold di Star Alliance.

I possessori dello status Gold di Star Alliance avranno diritto a numerosi privilegi come l’accesso a oltre 1.000 lounge in tutto il mondo, il check-in presso i banchi dedicati, l’aumento del bagaglio consentito, la precedenza all’imbarco e nella consegna dei bagagli. Tutti questi vantaggi saranno ora disponibili anche viaggiando con Air India.

Air India
Air India occupa un posto di rilievo nel panorama dell’aviazione globale e nel mercato indiano. Ha aperto la strade del settore in India e la sua storia rappresenta la storia dell’aviazione civile indiana. Air India è una compagnia aerea che non si limita solo a trasportare passeggeri, bagagli e cargo. Oltre alla manutenzione e assistenza ai propri velivoli, Air India fornisce servizi a terra per numerose compagnie aeree presenti in diverse città del paese. Nel corso degli anni Air india ha visto una crescita progressiva fino a diventare un grande vettore internazionale con un network di 33 destinazioni negli Stati Uniti, Canada, Europa, Estremo Oriente, Sud-est asiatico e Paesi del Golfo. Il network interno del vettore copre 50 destinazioni tra cui alcune aree remote del nord-est, la regione del Ladakh, le isole Andamane e Nicobare. Air India opera con una delle flotte più giovani e all’avanguardia che comprende aeromobili widebody Boeing B777, B747, Airbus 330, il nuovo B787 Dreamliner e il narrow body A321, oltre agli aeromobili A320 e A319.
 
 
Star Alliance
Star Alliance è stata fondata nel 1997 come la prima vera alleanza tra compagnie aeree a livello mondiale per offrire ai passeggeri una rete globale di collegamenti e una confortevole esperienza di viaggio. Sono numerosi i riconoscimenti ricevuti e che sanciscono la sua importanza sul mercato, quali l’Air Transport World Market Leadership Award e la qualifica di Best Airline Alliance da parte di Business Traveller Magazine e di Skytrax. Queste le compagnie aeree facenti parte dell’alleanza: Adria Airways, Aegean Airlines, Air Canada, Air China, Air New Zealand, ANA, Asiana Airlines, Austrian, Avianca, Brussels Airlines, Copa Airlines, Croatia Airlines, EGYPTAIR, Ethiopian Airlines, EVA Air, LOT Polish Airlines, Lufthansa, Scandinavian Airlines, Shenzhen Airlines, Singapore Airlines, South African Airways, SWISS, TAP Portugal, Turkish Airlines, THAI e United. Air India farà ufficialmente il proprio ingresso nell’alleanza l’11 luglio, mentre il processo di integrazione di Avianca Brazil è in corso. Attualmente Star Alliance opera oltre 18.000 voli giornalieri verso 1.269 aeroporti in 193 paesi.

– fine –

Nota alle redazioni:

Tutti i comunicati stampa diramati da TT&A per conto dei propri clienti sono disponibili online all’indirizzo http://www.tta.it/DIGITALmedia/Home.html con feed RSS e su Twitter all’indirizzo http://www.twitter.com/TTAPR